Cospes Arese | Funzioni esecutive
cospes arese, centro psicopedagogico e di orientamento, scuole, adulti, giovani
16912
page-template,page-template-elementor_header_footer,page,page-id-16912,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-template-full-width,elementor-kit-16681

Funzioni esecutive

Le funzioni esecutive sono funzioni cognitive di “livello superiore” che permettono alle persone di compiere azioni finalizzate ad un obiettivo. Sono una serie di abilità che consentono di pianificare, iniziare e portare a termine un’azione diretta ad uno scopo, monitorandone lo svolgimento.

 

Esempi di funzioni esecutive sono le abilità di pianificazione e di inibizione, la flessibilità cognitiva e la memoria di lavoro.

 

Poiché esse agiscono in maniera traversale a molti apprendimenti scolastici (es. comprensione del testo e risoluzione dei problemi matematici) e poiché determinano differenze nel profilo e nel percorso di apprendimento scolastico, diventa fondamentale individuare un eventuale deficit a carico di tali abilità in modo da intervenire precocemente.

Obiettivi del percorso:

 

  • individuare attraverso percorsi personalizzati l’eventuale presenza di un deficit a carico delle funzioni esecutive, determinando quali abilità risultano maggiormente compromesse (es. pianificazione, memoria di lavoro, capacità di inibizione, problem-solving..) e quale sia la ripercussione sugli apprendimenti scolastici;

 

  • implementare percorsi riabilitativi che prevedano una stimolazione delle funzioni esecutive attraverso diverse modalità, quali strumenti informatizzati, cartacei o ludici.

A chi è rivolto:

 

Presso il nostro centro tale percorso è rivolto a studenti della scuola primaria (IV°-V° primaria), secondaria di primo e secondo grado con difficoltà o disturbi specifici dell’apprendimento (DSA – dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia), disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività, disturbo non verbale dell’apprendimento.